Wellbeing in azienda: risultati concreti e misurabili con sensori biometrici che rilevano i livelli di stress

Parlare di wellbeing e della sua importanza nel mondo delle organizzazioni è semplice. Costruire degli interventi e delle strategie per migliorarlo è sicuramente più impegnativo: richiede un modello ed un approccio mirato.

In MIDA parliamo e lavoriamo sul tema del wellbeing partendo dal modello P.E.R.M.A.-V., inizialmente sviluppato da Martin Selingman.

In questo caso studio, mostriamo come sia possibile intervenire in particolare sulla variabile della Vitality, tramite strumenti di misurazione bio metrica dei livelli di stress e “malessere” e lo sviluppo di skill di gestione dello stress e della pressione tramite la Mindfulness.

Il cliente

Una delle grandi Assicurazioni italiane tra le più rilevanti a livello mondiale.

Il target

20 manager della direzione HR Global.

Il quadro generale

Un profondo stato di fatica e stress, precedente all’emergenza COVID, emerso grazie ad una survey di clima. Il fattore più critico era ENERGY, cioè: Individual, physical, interpersonal and emotional well-being at work. Alcune delle valutazioni raccolte in sede di indagine dei fabbisogni:

 

  • Perso equilibrio, focus, energia… abbiamo bisogno di andare avanti con più energia
  • Per aiutare gli altri… dobbiamo prima aiutare noi stessi… 
  • Scoraggiamento. C’è la sensazione che non si possa cambiare prospettiva, si arrendono ancor prima di iniziare a cambiare. 

 

La sfida: il metodo

La richiesta del cliente: non solo aiutare le persone a ridurre lo stress, ma anche dimostrare quanto e in quali situazioni poteva essere meglio contenuto.

 

 

Era dunque necessario misurare in modo oggettivo lo stato stressorio e collegarlo a momenti precisi dell’esperienza lavorativa.

 

 

Abbiamo utilizzato per questo sensori di ultima generazione, non invasivi, per la misura della frequenza cardiaca, indossati dai partecipanti per 3 giorni consecutivi, due di lavoro ed uno di riposo, per 24h continuative (stile di vita) + un diario analitico delle attività svolte durante il periodo di misurazione. La rilevazione è stata fatta prima e dopo il nostro intervento di stress reduction.

I risultati

L’esperienza è stata valutata molto positivamente da tutti i partecipanti. Ma quello che fa la differenza sono i risultati oggettivi medi del gruppo, rilevati attraverso i sensori. Alcuni dati:

';

Il miglior bilanciamento tra stress e recupero è positivamente correlato all’effetto ristorativo del sonno. 

';
';

Se anche nella tua organizzazione vuoi:

  • Migliorare il livello di wellbeing delle persone
  • Aumentare il livello di vitalità ed energia anche in momenti complessi e “stressanti”
  • Aiutare le persone a capire come gestire le proprie risposte allo stress e imparare a gestire i momenti di recupero
  • Dare indicazioni sul valore della sua attività fisica e sulla qualità del sonno
  • Misurare l’impatto dei progetti che promuovi attraverso risultati tangibili, con sensori biometrici di ultima generazione
  • Contribuire concretamente alla strategia di sostenibilità della tua organizzazione

 

SCRIVICI

 ABBIAMO NUMEROSI CASI STUDIO COME QUESTO

CHE POSSONO DARTI UN’IDEA DELL’IMPATTO CONCRETO

DI UN INTERVENTO CHE MIGLIORA I LIVELLI DI BENESSERE

E LA GESTIONE DELLO STRESS

NELLA TUA AZIENDA O NEL TUO TEAM

neuroempowerment@mida.biz

';